5 errori comuni nella scelta di un sistema wireless per la casa intelligente

5 errori comuni nella scelta di un sistema wireless per la casa intelligente

Sistemi di sicurezza. Sempre più persone in tutto il mondo vogliono trasformare la loro casa in una casa intelligente. Entro il 2022, le vendite di sistemi per la casa intelligente cresceranno più del doppio rispetto al 2018, gli analisti hanno recentemente calcolato ABI Research. La moderna tecnologia wireless ha semplificato notevolmente l’installazione e la configurazione dei dispositivi intelligenti, e gli scenari domotici sono creati sul principio del “se… poi…” in semplici applicazioni su smartphone o tablet. Sistemi di sicurezza. Quindi, se prima solo gli appassionati di tecnologia potevano costruire una casa intelligente, ora una persona senza competenze tecniche avanzate può fare il lavoro.

Vero, c’è un altro lato della medaglia: avendo deciso di acquistare un sistema di “casa intelligente”, un principiante che non ha conoscenze di base, rischia di commettere errori “da bambini” nella scelta dei dispositivi giusti. Vi parleremo dei cinque più comuni e di come evitarli.

ERRORE 1. Scegliere componenti incompatibili in base a standard diversi in una casa intelligente

Come molti altri mercati ad alta tecnologia, la Smart Home è diventata un campo di battaglia di diversi standard incompatibili. Nell’industria dell’elettronica di consumo, le “guerre standard” sono costanti: ricordiamo, ad esempio, la recente rivalità tra i formati Blu Ray e HD-DVD per i lettori video. Qualcosa di simile sta succedendo con i sistemi per la casa intelligente. Le tecnologie Z-Wave, Zigbee, Thread, Bluetooth Low Energy (BLE) e Wi-Fi sono oggi in concorrenza sul mercato. In realtà, ce ne sono ancora di più, ma cinque di queste tecnologie sono stimate dagli analisti come le più comuni oggi.

La regola principale per i principianti: Acquistare controllori, sensori e attuatori da una casa intelligente dello stesso standard. Quale scegliere? La polemica su questo tema non si è placata fino ad ora: ogni tecnologia ha le sue caratteristiche tecniche, i suoi pro e i suoi contro. Il nostro consiglio è quello di scegliere una tecnologia che garantisca almeno:

● la più grande selezione di componenti per la casa intelligente;

● piena compatibilità di dispositivi di diversi produttori.

Se entrambi questi criteri sono soddisfatti, potrete scegliere tra la più ampia gamma possibile di apparecchi e sapere esattamente che i prodotti di diverse marche lavoreranno insieme. Oggi, la migliore tecnologia per entrambi è la Z-Wave. Viene utilizzato da più di 700 produttori internazionali, offrendo più di 2400 modelli di dispositivi domestici intelligenti interoperabili. La capacità dei prodotti Z-Wave di “comunicare” tra loro è responsabilità del consorzio Z-Wave Alliance, che ha rilasciato certificati di interoperabilità ai produttori dopo numerosi test.

Errore 2: Selezione di componenti dello stesso standard non compatibili con la RF

Quindi, avete deciso di adottare lo standard Smart Home, avete acquistato un kit di automazione per l’avviamento e ora volete aggiungervi altri componenti. A cosa dovete prestare attenzione quando scegliete? Una sfumatura importante è la gamma di frequenze radio in cui operano i dispositivi. Anche all’interno dello stesso standard, le frequenze operative possono variare. Tutto dipende dal paese per il quale è stato creato un componente. Ad esempio, in Russia lo standard Z-Wave è 869 MHz, in Cina 868,42 MHz e negli USA 908,42 MHz. Nella maggior parte dei paesi, il protocollo Zigbee opera nella banda di frequenza a 2,4 GHz. Tuttavia, alcuni dispositivi Zigbee in Cina utilizzano 784 MHz, nei paesi dell’UE 868 MHz, negli Stati Uniti e in Australia 915 MHz. La maggior parte dei dispositivi Zigbee in questi paesi operano anche nella banda di frequenza a 2,4 GHz.

A causa di differenze di frequenza regionali, ad esempio, un sensore acquistato in un negozio online straniero potrebbe non essere compatibile con il vostro controller smart home. Pertanto, il modo più semplice per non commettere l’errore con le frequenze radio è quello di acquistare dispositivi in comprovati negozi domestici che offrono dispositivi per la casa intelligenti che funzionano sulla frequenza “russa”. Va notato che il progetto “La mia casa” offre esattamente questi prodotti.

Errore 3. Inseguimento a buon mercato.

La tentazione di acquistare uno degli economici smart home starter kit asiatici è oggi molto forte. In Russia, ad esempio, sono attivamente offerti da molti produttori cinesi di elettronica di consumo, anche molto famosi. Ma non per niente dicono che l’avaro paga due volte: gli amanti del risparmio eccessivo aspettano spiacevoli sorprese.

Il primo è la mancanza del russo, e spesso anche dell’inglese, in un’applicazione mobile per impostare una casa intelligente. Senza di essa, aggiungere nuovi dispositivi, creare scenari di automazione e controllare una casa intelligente ogni volta si trasforma in un “puzzle cinese”.

La seconda “sorpresa” è l’incompatibilità degli elettrodomestici intelligenti con le prese europee senza adattatori speciali. Non solo vi aspettate costi aggiuntivi per l’acquisto di adattatori, ma anche la scarsa affidabilità del fissaggio dei dispositivi intelligenti nelle prese, l’emergere di un ulteriore punto di guasto, così come l’aspetto disattento dell’intera costruzione del “dispositivo-trasformatore-presa”.

Un terzo problema comune è l’incompatibilità di dispositivi prodotti da produttori diversi, anche se i dispositivi utilizzano lo stesso standard/radio frequenza. Spesso le aziende cinesi fanno in modo che i loro controllori per la casa intelligente non “vedano” altre marche di sensori e attuatori. Quindi, ad esempio, il supporto dichiarato dal produttore per la tecnologia Zigbee in un controller non significa che sia possibile collegare dispositivi di terze parti a una casa intelligente Zigbee.

L’obiettivo delle aziende cinesi è chiaro: “legare” il consumatore solo ai loro prodotti. Da qui, il prezzo basso per i kit di avviamento casa intelligente – a volte quasi a livello di costi. Il produttore compensa il mancato guadagno con il fatto che si dovranno acquistare ogni volta sensori e attuatori aggiuntivi della stessa marca dei kit di avviamento.

L’elenco dei problemi con i sistemi domestici intelligenti asiatici a basso costo può continuare. Gli utenti, ad esempio, spesso si lamentano del fatto che alcuni starter kit sono molto lenti quando sono collegati a sistemi di gestione basati sul cloud ospitati solo su server cinesi. E quando si cerca di selezionare un altro server, alcune funzioni di automazione diventano non disponibili. Ci sono frequenti lamentele per la mancanza di assistenza e consulenza tecnica qualificata. Quindi, prima di cercare di risparmiare, pensate se valga la pena di usare la pelle di pecora.

ERRORE 4. Acquistare solo parti dei componenti necessari di una casa intelligente

Anche in semplici scenari domotici, sono coinvolti più dispositivi. Ad esempio, per accendere automaticamente l’illuminazione di una stanza quando si entra, sono necessari sensori di movimento e di luce e un dimmer/lampada intelligente. Togliere il sensore di luce da questa lista e la luce nella stanza si accenderà anche durante il giorno, quando non è necessario.

Quindi, quando si pianifica un sistema per la casa intelligente, cercate di decidere i principali utilizzi del sistema e acquistate tutti i componenti necessari in una volta sola. In questo modo, non è necessario perdere tempo ad aggiungere dispositivi mancanti al sistema e la riconfigurazione e lo scripting wireless associato.

ERRORE 5. Acquisto di dispositivi extra

All’inizio, un controllore e diversi sensori/attuatori inclusi in uno degli starter kit sono sufficienti per l’automazione degli appartamenti. Permettono di creare diversi semplici scenari di automazione. Gli errori con l’acquisizione di dispositivi ridondanti si verificano più spesso nella fase di espansione del sistema. Ad esempio, se la vostra casa è dotata di riscaldamento a distanza e non utilizzate riscaldatori elettrici, allora l’acquisto di un termostato intelligente per controllarli è chiaramente inutile. Ma ci sono momenti in cui si acquistano dispositivi extra nella primissima fase. Ad esempio, se si affitta un appartamento per un breve periodo di tempo e si desidera automatizzarlo, difficilmente vale la pena di acquistare questo relè e dimmer, prese e interruttori integrati. Per questi casi è meglio utilizzare dispositivi a soffitto, che sono facili da rimuovere e da portare con sé quando ci si sposta.

Conclusioni
Come non è difficile da notare, gli errori dei “bambini” nella scelta dei componenti di un sistema per la casa intelligente sono facilmente evitati. È sufficiente avere conoscenze elementari sugli standard della domotica senza fili, decidere in anticipo gli scenari della casa intelligente e utilizzare i servizi di affidabili negozi domestici che offrono un’ampia gamma di dispositivi per la casa intelligente.

Se voi stessi volete capire la complessità della selezione, dell’installazione e della configurazione dei componenti per la casa intelligente, la nostra serie di articoli vi aiuterà.

You may also like

Sicurezza del cortile: i tuoi spazi esterni sono adeguatamente protetti?

Sicurezza del cortile: i tuoi spazi esterni sono adeguatamente protetti?

Una casa sicura è una casa felice e la sicurezza è senza dubbio uno dei fattori più importanti. Tuttavia, non...

Elementi essenziali per la sicurezza domestica

Elementi essenziali per la sicurezza domestica

Tenere al sicuro la nostra casa è una delle massime priorità nella nostra vita poiché è il luogo in cui...

Scoraggiare i furti e le effrazioni a casa tua

Scoraggiare i furti e le effrazioni a casa tua

Ovviamente vuoi fare tutto il possibile per mantenere la tua casa sicura, e questo significa essere consapevole delle principali minacce...

Strumenti per migliorare Internet

Strumenti per migliorare Internet

Internet ha fatto molte cose straordinarie per le nostre vite. Ci sono pochissimi di noi che non dipendono da esso...

Back to Top